I tre tempi del Belice – Morfogenesi e Persistenza

di Andrea Oldani (partecipante iscritto)

La riflessione che si vuole proporre attraverso questo contributo parte da una attenta riflessione condotta sui luoghi della Valle del Belice e sulle mutazioni che ha indotto il terremoto del 1968.

Belice rimanda a tre generazioni diverse che oggi convivono. A polverosi cumuli di materia accumulatisi dopo il sisma, memoria dell’interminabile scorrere di trenta secondi che hanno esaurito il codice genetico di intere generazioni. Al luogo primo della rinascita, oggi esteso mosaico di scale, muri, piastrelle. Ai sogni materializzatesi nelle nuove città, dove, la rassicurante domesticità dei vecchi centri ha lasciato il posto alla dilatazione degli spazi, al vuoto, allo smarrimento, allo straniamento.

aoldani
Leggi il seguito di questo post »


Memoria delle donne nella Valle del Belice

di Ferdinanda Vigliani, Vicepresidente Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile di Torino. (partecipante invitata)

Nel workshop tenuto nella valle del Belice tra il 14 e il 21 settembre 2009 il mio lavoro ha avuto l’obiettivo di esplorare la memoria del trauma determinato dal terremoto del 1968 attraverso la testimonianza e i ricordi delle donne. C’è continuità tra questa ricerca e l’attività che svolgo di solito: quella nella biblioteca del Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile che ho contribuito a fondare nel 1995 e, più di recente, quella dell’Archivio delle Donne in Piemonte, di cui sono dal 2006, delegata.

La mia insistenza sulla storia e la memoria delle donne parte da una consapevolezza che viene da lontano: sono almeno quarant’anni che le donne del movimento prima e le studiose di storia poi si sono impegnate a colmare le lacune di una storia centrata sul soggetto maschile.

Questa determinazione a cercare le tracce delle donne ha offerto sulla storia prospettive inedite, nuove ricchezze. Se si sa che cosa cercare, nei racconti delle donne si trovano dei tesori nascosti.

la signora Maria, ostetrica. Gibellina. Foto di Daniela Cappello
la signora Maria, ostetrica. Gibellina. Foto di Daniela Cappello

Leggi il seguito di questo post »